RC auto: massimali, risarcimento del danno non patrimoniale, sconti e altre novità

RC auto: massimali, risarcimento del danno non patrimoniale, sconti e altre novità

Estate 2017 ricca di novità per gli automobilisti italiani tra l'adeguamento dei massimali RC auto, il nuovo calcolo dei danni non patrimoniali e le altre modifiche, specie per quanto riguarda le tariffe delle polizze con i relativi sconti (ma non solo), introdotte dal Ddl Concorrenza approvato a fine luglio. Facciamo un rapido riassunto.

Come tutti sanno, il massimale è l'importo massimo che può essere risarcito per i danni provocati in caso di incidente stradale. Un dato importante dal momento che se il rimborso supera quel limite è l'assicurato a risponderne in prima persona e di tasca propria. Ebbene, con il decreto ministeriale  sull'adeguamento dei massimali di garanzia RC auto e natanti in vigore dallo scorso 11 giugno, la soglia è salita a 1,22 milioni di euro per i danni alle cose e a 6,07 milioni di euro per le lesioni fisiche, mentre in precedenza era rispettivamente di 1 milione e di 5 milioni di euro.

In tema di risarcimento del danno non patrimoniale, invece, il nuovo Ddl Concorrenza ha demandato a un successivo Dpr la predisposizione di una specifica tabella unica per le macrolesioni, valida su tutto il territorio nazionale, che garantisca il diritto delle vittime dei sinistri a un pieno risarcimento del danno non patrimoniale effettivamente subito e, allo stesso tempo, razionalizzi i costi gravanti sul sistema assicurativo e sui consumatori. I principi e i criteri da seguirei nella redazione della tabella, dovranno tener conto dei criteri valutativi del danno non patrimoniale ritenuti congrui dalla consolidata giurisprudenza di legittimità.

La correlazione assicurazione auto - Ddl concorrenza ha portato pure sconti obbligatori sulle tariffe RC auto, a patto di rispettare determinate condizioni quali per esempio l'installazione della scatola nera e di altri meccanismi elettronici che impediscano l'avvio del motore qualora sia riscontrato nel guidatore un tasso alcolemico superiore ai limiti. Previste riduzioni anche per gli automobilisti virtuosi residenti nelle province a maggiore sinistrosità e con premi più elevati, e per chi contrae più polizze per più veicoli in suo possesso sottoscrivendo però una clausola di guida esclusiva.

Introdotte inoltre nuove norme che riguardano le carrozzerie (in caso di sinistro i conducenti coinvolti potranno rivolgersi alla propria carrozzeria di fiducia, purché quest'ultima certifichi fiscalmente gli interventi effettuati), i “facili” testimoni (d'ora in poi risulterà più difficile ricorrere a testimonianze di comodo) e l'utilizzo di dispositivi automatici per controllare la validità dell'assicurazione obbligatoria.