Incentivi 2019 per auto ibride, gpl ed elettriche

Incentivi 2019 per auto ibride, gpl ed elettriche

Se gli enti locali stanno facendo il possibile per ridurre la circolazione di auto inquinanti, il Governo non ha introdotto nella nuova Legge di Bilancio 2019 alcun incentivo per l'acquisto di vetture ibride, gpl ed elettriche. Restano quindi a disposizione alcuni incentivi auto da parte di Regioni e Comuni, tenendo comunque conto che in futuro ogni momento potrebbe essere buono per introdurre nuove facilitazioni.

Per esempio a Milano, in vista dell’attivazione della Area B che scatterà a gennaio 2019 limitando in maniera drastica l'accesso in città alle auto più inquinanti, il Comune ha stanziato 5,2 milioni di euro a favore delle micro, piccole e medie imprese e delle imprese artigiane con sede in città, per l'acquisto di veicoli commerciali nuovi a basse emissioni (cioè ad alimentazione elettrica, ibrida, metano, benzina e metano, gpl, benzina gpl o benzina Euro 6) in sostituzione di vecchi veicoli inquinanti. Gli incentivi resteranno a disposizione, salvo esaurimento fondi, fino al 31 dicembre 2019, e ogni impresa potrà inoltrare al massimo due richieste.

Incentivi 2019 anche in Friuli Venezia Giulia: l'assessore regionale all'Ambiente ed Energia ha promesso infatti che gli incentivi carburanti previsti già nel 2018 saranno confermati, pur tra qualche difficoltà, anche il prossimo anno. Ma non solo: si stanno cercando ulteriori fondi per finanziare l'acquisto di auto meno impattanti sull'ambiente. Al momento sono a disposizione 1,4 milioni di euro per auto benzina-metano, ibride ed elettriche, ma si vorrebbe fare di più.

In Emilia Romagna, sempre in prima fila nella lotta all'inquinamento, è stato stanziato un bonus del valore tra 4 mila e 10 mila euro per l'acquisto di veicoli commerciali Euro 6 di nuova immatricolazione con alimentazione mista benzina-gpl, benzina-metano, ibrida o elettrica. Per i privati sono invece a disposizione 5 milioni di euro.

Molto bene anche il Trentino (gli incentivi per l'acquisto di auto elettriche e auto ibride plug-in, precedentemente riservato agli enti pubblici, è stato anche ai privati: imprenditori, professionisti e imprese agricole), l'Alto Adige e la Lombardia: la Regione ha messo sul tavolo ulteriori 500 mila euro per la sostituzione dei veicoli commerciali N1 e N2, portando la dotazione a 6,5 milioni di euro, con contributo massimo erogabile di 6 mila euro a vettura. Ma l'assessore all'Ambiente e Clima ha chiesto che nel bilancio del prossimo anno siano previsti incentivi gpl e ibridi anche per la sostituzione delle auto private.