Tasso tecnico

Nelle assicurazioni vita “rivalutabili” il tasso tecnico indica il tasso d’interesse minimo garantito dalla compagnia, e indicato come rendimento della polizza a favore del cliente. La caratteristica primaria del tasso tecnico è che viene riconosciuto in modo anticipato, non in sede di liquidazione del danno ma al momento della sottoscrizione del contratto sotto forma di sconto sul premio o sotto forma di rivalutazione minima annua.  

Si distingue dal tasso di rendimento minimo garantito e anzi, viene da questo sottratto dopo aver calcolato la percentuale di tasso tecnico in base al capitale assicurato iniziale. Se il tasso tecnico e il tasso di rendimento minimo garantito coincidono la misura di rivalutazione annua della polizza vita non verrà applicata in quanto nulla. In caso contrario la rivalutazione sarà attuata in favore del cliente, e in tal senso, il tasso minimo si sostanzia in una duplice garanzia di rendimento per l’assicurato, aggiuntiva rispetto a quella fornita dal tasso tecnico.

Il tasso tecnico è una rivalutazione della prestazione che la compagnia è tenuta a liquidare al cliente al verificarsi dell’evento coperto (decesso), ma viene riconosciuta in anticipo e risulta già compresa nel capitale o nella rendita assicurata originaria. Il tasso tecnico perciò deve essere “stornato” prima di procedere alla rivalutazione annuale della polizza sulla base del rendimento della riserva matematica.

Annualmente infatti, il capitale assicurato viene rivalutato del rendimento della riserva matematica nella misura in cui questo viene retrocesso al cliente. L’aliquota risultante viene separata del tasso tecnico in quanto questo è stato preliminarmente considerato in sede di determinazione del capitale assicurato originario.